25 Marzo 2022

Un mondo di benefici, ovvero la marijuana senza THC

Si parla e si sente parlare moltissimo di marijuana senza THC, ma esiste davvero? A dirla tutta, tecnicamente non esiste marijuana completamente priva di THC, perché anche nella canapa legale vi sono piccole percentuali di questo principio attivo. Ma è pure vero che, da quando la marijuana legale, con THC assolutamente entro i limiti di legge e ridotto al minimo, ha preso piede, sempre più spesso viene definita in questo modo.

 

C’è differenza tra marijuana e cannabis light?

Quello che differenzia la comunque marijuana, ovvero la sostanza stupefacente, dalla celeberrima cannabis light, ovvero la sua versione legale, è proprio il contenuto tasso di THC e, invece, l’elevata presenza di CBD, cioè il cannabidiolo, principio non psico-attivo ma decisamente benefico per l’organismo.

Il THC, ovvero il Delta-9-Tetraidrocannabinolo, è il principio attivo che provoca gli effetti collaterali associati al consumo di marijuana e che la categorizza come sostanza illegale. Il THC ha effetti psicotropi, che stimola l’appetito e offusca alcuni dei sensi, può causare nausea e altre effetti sgradevoli.

La cannabis ad alti livelli di THC è frequentemente utilizzata per provocare stordimento, dunque soprattutto a scopi ricreativi. La sua versione light, invece, non solo è perfettamente vendibile, acquistabile e consumabile, in quanto completamente legale, ma non ha alcun effetto psicotropo e anzi offre una vasta gamma di vantaggi.

Per questo, quando si parla un po’ impropriamente di marijuana senza THC, si parla di marijuana legale ad alto beneficio.

 

Qual è il livello di THC permesso dalla legge italiana?

Oltre che livello di THC la cannabis è considerata illegale? Secondo la legge italiana 242, emanata nel 2016, prevede un tetto massimo di THC inferiore allo 0,2% per considerare il prodotto legale. Ecco dunque che tutte le varietà di marijuana light si definiscono tale proprio per il basso livello di THC.

Più che di prodotto senza THC, si tratta di cannabis a ridottissima presenza del principio psico-attivo. Questo perché nella marijuana legale, ricavata dalle infiorescenze della canapa sativa, a farla da padrone è il cannabidiolo, ovvero il CBD.

Scopri di più sulla legge italiana e la Marijuana Light .

Eventuali controindicazioni e costo della marijuana senza THC 

Proprio perché ricca di CBD e poverissima di THC, la marijuana e l’hashish legale non presentano particolari controindicazioni. Al contrario, i consumatori possono beneficiare dei tanti effetti positivi del CBD che ha sull’organismo: da quello antinfiammatorio a quello lenitivo e antidolorifico, dall’effetto rilassante a quello antiemetico, per non dire dell’effetto antinconvulsionante e antiossidante. Insomma, difficile parlare di effetti indesiderati, più facile concentrarsi sui vantaggi di un corretto consumo di canapa legale e dei prodotti derivati da essa.

Quanto al costo della marijuana senza THC, questo dipende da moltissimi aspetti e varia da poche decine di centesimi di euro al grammo sino a dieci euro al grammo: ciascuno sceglie in base a gusto, sapidità, concentrazione di CBD e varietà prediletta. Insomma, ce n’è per tutti.

 

Prova la migliore cannabis light sul nostro CBD shop!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trustpilot

Iscriviti alla newsletter ed ottieni il 10% di sconto sul primo ordine

    20% di
    sconto
    1 grinder
    C'eri quasi...
    1 grammo
    di erba
    1 grinder
    1 bong
    Aspetta! gioca e vinci un premio!

    Inserisci la tua mail per iscriverti alla nostra newsletter e gira la ruota! Potresti vincere un premio!

    Sei già iscritto? Nessun problema! Prova comunque a vincere